25/02/2022 Caro bollette: ad Albignasego raddoppia la spesa per l’illuminazione pubblica da 500 mila Euro a UN MILIONE

Ipotesi di spegnere alcuni lampioni per non tagliare i servizi

Data di pubblicazione:
25 Febbraio 2022
25/02/2022 Caro bollette: ad Albignasego raddoppia la spesa per l’illuminazione pubblica da 500 mila Euro a UN MILIONE

Non sono confortanti le notizie che giungono dal gestore che per il Comune di Albignasego si occupa della pubblica illuminazione: da ottobre a dicembre i costi dell’energia elettrica sono schizzati alle stelle, più che raddoppiati, passando da 166 a 390 €/MWh (Megawatt-ora). Questo aumento inciderà notevolmente sulle casse comunali in quanto la bolletta dell’ultimo trimestre del 2021, a seguito dell’annuale revisione prezzi, prevede un incremento pesantissimo di ben 170 mila euro. Fino al 2020 il Comune, grazie a una politica virtuosa di periodici investimenti sull’efficientamento energetico, nonostante l’incremento del 9% in cinque anni dei punti luce, al momento dell’annuale revisione dei prezzi era persino creditore mediamente di circa 20 mila euro, che venivano reinvestiti nell’ammodernamento degli impianti.

Se già sarà difficile reperire 170 mila euro che il Comune non si aspettava di dover pagare, ben più complicato sarà dover affrontare la cifra per l’intero 2022: se il costo dell’energia non andrà a diminuire, secondo le previsioni del gestore da una spesa di 533 mila euro annui il Comune arriverà a doverne pagare 923 mila.

«Questa aumento fuori controllo, come sta capitando a famiglie e imprese, rischia di metterci in estrema difficoltà» dichiara il sindaco Filippo Giacinti «nel garantire i servizi ai cittadini. Stiamo valutando varie soluzioni, ipotizzando – come hanno già iniziato a fare in altri Comuni – di avviare una politica di risparmio energetico, spegnendo alcuni punti luce nei parchi o lungo le strade meno frequentate negli orari centrali della notte, così da arrecare minori disagi possibili e nel contempo limitare il consumo di energia elettrica».

Negli ultimi cinque anni fortunatamente il Comune ha abbattuto il consumo di energia grazie anche all’installazione di luci a led negli impianti di pubblica illuminazione, investendo ogni anno migliaia di euro per l’ammodernamento dell’impiantistica che migliorasse la resa e soprattutto garantisse il risparmio energetico: dal 2016 ad oggi il consumo energetico si è abbattuto infatti del 65% (oltre 300 tonnellate equivalenti di petrolio). Anche quest’anno sono previsti ulteriori interventi in tal senso (pari a 130 mila euro), che contribuiranno a diminuire ulteriormente i consumi.

«Abbiamo fortemente voluto questi investimenti, insieme all’installazione di impianti fotovoltaici sui tetti di alcuni edifici pubblici e al progetto dell’attivazione delle Comunità energetiche che stiamo elaborando» prosegue il sindaco Giacinti «nell’ottica di politiche che puntano alla sostenibilità ambientale oltre che al risparmio economico. Purtroppo quest’ultimo obiettivo è vanificato dagli attuali aumenti fuori da ogni controllo. Auspico quindi che il Governo intervenga al più presto per porre un freno a questi incrementi insostenibili per famiglie, imprese e Comuni, altrimenti saremo costretti ad intaccare la spesa corrente per pagare le bollette, che come conseguenza avrebbe il taglio ai servizi ai cittadini. Noi stiamo facendo il possibile, ma senza un aiuto dallo Stato non saremo in grado di far fronte a tutte le spese».

Ultimo aggiornamento

Martedi 04 Ottobre 2022